joomla slideshow with caption

Benvenuti sul sito della Consulta 

delle Associazioni di San Severo.


La Consulta delle Associazioni di San Severo racchiude tutte le associazioni di San Severo. L’incontro e il confronto fra Istituzioni Pubbliche e le suddette Forme Associative favoriscono l’integrazione fra intervento pubblico e privato-sociale, per perseguire diverse finalità nell’interesse di entrambi i soggetti.

Calendario Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Ultime Notizie

I nostri associati

1 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 2 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 3 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 4 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 5 50 51 52 53 54 55 56 57 59 6 60 61 63 64 66 67 68 69 7 8 9

Verbale del Direttivo

16 novembre 2016

Il giorno 16 novembre 2016, alle ore 19, si è riunito presso la sua sede,   il direttivo della Consulta delle Associazioni per discutere i seguenti punti all’O.d.g.:

  1. Nomina segretario
  2. Ripristino del sito e della comunicazione con le associazioni
  3. Varie ed eventuali

Sono presenti Marisa Sacco, Danila Abruzzese, Alessandro Cataneo, Lidia Corticelli, Corrado Niro, Liliana Scanzano, Lina Abruzzese,Grazia Pepe, Lia Pedata, Linda Rinaldi, Clara D’Aries, Giacomo Carfagna.

Presiede la seduta la Presidente Linda Rinaldi che immediatamente dà lettura del primo punto.

Dopo rapide consultazioni, all’unanimità, viene eletta segretaria Lia Pedata

Si passa allora immediatamente alla lettura dei verbali delle sedute precedenti del 30 settembre, del 28 ottobre e del 15 novembre, per la loro approvazione.

Tale momento permette al direttivo di richiamare condividere  informazioni ed esiti delle attività già svolte e di quelle in cantiere in un’ottica costruttiva e di miglioramento del proprio servizio sulla base di quelle criticità che sempre il fare insieme comportano e che se opportunamente focalizzate ed analizzate rappresentano vere occasioni di arricchimento e di crescita come  accade quando il confronto,   la valutazione e la conseguente progettazione partono  dall’attenta considerazione dei dati di realtà.

Pertanto mentre il Progetto Spesa sospesa mette in evidenza l’importante funzione di stimolo che la Consulta può esercitare sul contesto associativo dal momento che l’idea originaria del Progetto nata proprio all’interno del direttivo è stata recepita dalla Carovana dei cittadini attivi che l’hanno materializzata attraverso la partecipazione ad un bando lanciato dalla Fondazione con il sud, l’evento di Sand Martin ha fatto emergere alcune problematiche che analizzate nelle loro cause hanno dato luogo ad alcune osservazioni :

  • in primo luogo la necessità di un coordinamento più puntuale con l’amministrazione affinchè possano esserci tempi più distesi nell’organizzazione degli eventi al fine di evitare equivoci, confusione e sovrapposizioni di ruoli e funzioni che finiscono con il lasciare strascichi di malcontento ed incidere sulle buone relazioni
  • la consapevolezza che, essendo la Consulta un organo sovraordinato rispetto alle Associazioni che ad essa hanno aderito, non può e non deve identificarsi con singole associazioni per cui il direttivo ha come sua funzione essenziale innanzitutto quella di raccogliere  idee dal territorio sulla base di bisogni emergenti ed intorno ad esse favorire opportune collaborazioni tra associazioni per offrire servizi sempre più continuativi e strutturali. Per esempio nel caso dei mercatini il direttivo si occuperà semplicemente di creare contatti tra le associazioni interessate e di fornire informazioni sulle modalità di partecipazione, come pure la sua presenza avrà solo uno scopo informativo e promozionale delle proprie funzioni affinchè la rete delle collaborazioni si ampli sempre di più nell’interesse del bene comune
  • la necessità che il direttivo si riunisca con una certa frequenza e che i suoi membri svolgano con responsabilità e nel pieno rispetto delle regole i compiti e le funzioni assegnate ed accettate.
  • l’augurio che l’amministrazione sia attenta a valorizzare tutte le associazioni che si impegnano ad offrire il loro contributo nei vari eventi senza dimenticanze.

Subito dopo la Presidente accenna all’opportunità che i membri del direttivo prenotino un palco comune al teatro, a proprie spese,   al fine di sostenere l’AIDO nella sua sensibilizzazione alla donazione degli organi, appoggiando una compagnia teatrale che rappresenta un lavoro che ha proprio questa finalità.

Lidia Corticelli, subito dopo, mette in evidenza che l’Amministrazione non ha ancora provveduto a compensare le spese sostenute per la Festa dei nonni, nonostante l’ impegno assunto formalmente in fase di progettazione.

Per quanto concerne il Progetto Qualità ambiente e vivibilità della città, dopo un incontro avuto tra i membri della Consulta e l’Amministrazione si è ormai giunti in dirittura d’arrivo per quanto riguarda la chiusura al traffico di alcune vie del centro e si aspetta solo la delibera ormai prossima. Si evidenzia comunque che questo va considerato solo un momento iniziale per lanciare altri progetti tesi a vivificare, arricchire e valorizzare la città proprio attraverso il coordinamento e la collaborazione tra associazioni che si riconoscano in tale mission.

A questo punto interviene Alessandro Cataneo, che di fronte al complessificarsi ed all’ampliarsi del lavoro della Consulta propone la presensa di un altro rappresentante dell’Amministrazione in seno alla Consulta, individuato nella persona dell’avv. Danila Abruzzese, affinchè il coordinamento sia ancora più efficace. Contemporaneamente si assume l’impegno di provvedere alla realizzazione di tale proposta.

Per quanto riguarda il secondo punto all’ordine del giorno la Presidente, dopo aver pubblicamente apprezzato il lavoro svolto da Veronica Tonti per il ripristino del sito, che ormai ha ripreso a funzionare secondo le modalità originarie, mette in evidenza l’importanza che esso ha assunto agli occhi delle associazioni per cui è necessario un impegno continuo e costante a mantenere viva la comunicazione attraverso tale strumento. Anche in questo caso sarà quindi necessario rinforzare le collaborazioni.

Si passa infine al terzo punto in cui vengono socializzate le iniziative in cantiere. A tal proposito la Presidente mette in evidenza il bisogno di poter procedere anche a convocazioni straordinarie per informare il direttivo delle continue sollecitazioni provenienti dal contesto per non correre il rischio di una mancata condivisione. Parla quindi della sua presenza all’interno del gruppo di associazioni che hanno sostenuto l’Arcidonna nel suo progetto finalizzato a sensibilizzare contro la violenza alle donne, che è previsto per il 25 di questo mese. Tra l’altro tiene ad evidenziare che grazie alla presenza della Consulta per la prima volta si sono sedute al tavolo associazioni giovanili come l’Epicentro che parteciperà attivamente al buon esito dell’evento attraverso la proiezione di un filmato realizzato dai suoi associati.

Si discute infine della ripresa del Progetto Quartiere in movimento per l’approfondimento del  quale si rimanda alla lettura del verbale del 15 novembre, dove si trovano anche le informazioni relative all’iniziativa di organizzare dei falò in quattro quartieri periferici con lo scopo di valorizzare antiche tradizioni attraverso la scoperta del loro senso ed inserendole in una rete di legalità e protezione con il contributo delle associazioni di volontariato. Il progetto prevede i seguenti momenti:

informazioni tecniche e preparazione dei falò con l’assistenza degli esperti operatori della “Terra dei Fuochi”

ricerca del senso e dei significati religiosi e profani dei falò dell’8 dicembre a San Severo

una rete di protezione e di sicurezza grazie all’intervento degli operatori della Protezione Civile ed all’applicazione delle opportune norme e regole

un evento di socializzazione animato da musica, balli ed un barbecue

La presidente sottolinea l’importanza di avvertire immediatamente tutte le Associazioni iscritte alla Consulta affinchè ciascuna consideri l’opportunità di inserirsi con il proprio servizio allargando la rete di collaborazioni, che è proprio l’obiettivo fondamentale e prioritario della Consulta.

Terminata la discussione la seduta è tolta alle ore 21,30 non senza essersi detti che è assolutamente necessario che Il Direttivo, al fine di evitare lungaggini e difficoltà comunicative, si dia definitivamente delle regole condivise, atte a regolare la discussione che possano incidere positivamente sulla quantità dei tempi e la qualità dei lavori.

La segretaria                                                                                                          La Presidente

Lia Pedata                                                                                                                 Linda Rinaldi